mercoledì 26 ottobre 2016

Vellutata di zucca, cannellini e curcuma - per scaldare corpo e anima in una fredda serata invernale..




Devo questa ricetta ad una persona speciale, conosciuta durante un workshop di food photography, in cui lei era co-docente.
Grazie alla passione che Rossella mette nel fotografare il cibo e alla minuzia e precisione con cui prepara il set e realizza i suoi scatti ho capito quanto sia importante, per la riuscita di un blog, saper fare belle foto e quanto fondamentale sia il riuscire a comunicare le caratteristiche e i punti di forza di un piatto tramite un'immagine.

Qualche giorno fa scorrevo le ricette del suo blog Vaniglia - Storie di cucina e sono incappata in questa favolosa vellutata.
Subito mi ha rapita la foto..questa crema appariva così morbida, appetitosa, bella!
E la mia voglia di vellutate é tornata prepotentemente a farsi sentire, dopo quasi un anno di letargo..
E visto che in frigo avevo, per l'appunto, un bel pezzo di zucca che mi faceva gli occhi dolci già da qualche giorno, ho deciso di provare a rifarla.
Devo dire che il risultato mi ha molto stupita perchè l'insieme di sapori che compongono questa deliziosa vellutata risulta molto interessante in bocca; c'è il dolce della zucca, smorzato dai fagioli cannellini, la punta fresca e leggermente acida dello yogurt, il sapido e croccante della pancetta e la nota speziata della curcuma che prende tutte le varie note e le armonizza in una sinfonia pressoché perfetta.

Questa vellutata, ricca di beta-carotene é l'ideale per scaldare le fredde serate invernali in cui, di ritorno a casa da lavoro, l'unica esigenza forte é quella di una copertina e di qualcosa di caldo e cremoso che scaldi la pancia e i sensi, rasserenando la serata e accompagnandoci ad affrontare la giornata successiva (di lavoro) col sorriso e con una buona carica di ottimismo.

In fondo non é vero che chi mangia bene poi affronta meglio la vita?

----------------------------------------------------------------------

Ingredienti: 

  1 cipolla di Tropea piccola
  olio extra vergine di oliva q.b.
  1/2 zucca mantovana (all'incirca 1 kg scarso) non pulita
  1 confezione di fagioli cannellini in scatola
  2 cucchiaini di curcuma in polvere
  1 pizzico di sale
  1 vasetto di yogurt bianco intero
  5-6 fette di pancetta avvolta tagliata sottilissima
  1 grattata abbondante di pepe nero


Preparazione:

Per iniziare mettete a scaldare dell'acqua in un pentolino e in una casseruola capiente mettete un pochino d'olio extra vergine di oliva, tagliate finemente una cipolla di Tropea piccola e aggiungetela all'olio. 
Nel frattempo che la cipolla soffrigge dolcemente a fuoco basso, pulite la zucca dai semi e dai filamenti interni, privatela della buccia e tagliatela a tocchettini piccoli; quando la cipolla sarà diventata semi trasparente e completamente ammorbidita aggiungete la zucca, salatela un pochino e lasciatela stufare per qualche minuto.
Passati 5-6 minuti aggiungete l'acqua calda fino a coprire completamente la zucca, coprite la casseruola con il coperchio e lasciate cuocere a fuoco medio per una quindicina di minuti, se non fossero sufficienti ad ammorbidire la zucca lasciatela cuocere 5 minuti in più.
Nel frattempo che aspettate la cottura della zucca, riscaldate a fuoco molto vivace una padellina antiaderente, senza aggiungere olio, e quando sarà bella rovente spegnete il fuoco e mettete ad arrostire le fettine di pancetta avvolta, fatele sfrigolare pochi secondi finchè non saranno diventate leggermente ambrate, poi toglietele dalla padella ed adagiatele su di un piatto, in attesa di decorare la vellutata. 
Quando la vostra zucca sarà bella morbida potete aggiungere i fagioli cannellini, ben scolati, e lasciateli insaporire due minuti, dopodichè spegnete il fuoco e passate tutto con il frullatore ad immersione fino ad ottenere una crema liscia e morbida; se la vellutata fosse troppo densa potete aggiungere un pochina dell'acqua che avevate precedentemente riscaldato, poco alla volta fino a raggiungere la consistenza a voi più gradita e regolatela di sale.
Terminate aggiungendo due cucchiaini di curcuma in polvere e a questo punto la vellutata é pronta per essere servita.
Versate la crema in una scodella generosa, aggiungete un paio di cucchiai di yogurt, adagiate delicatamente sulla superficie le fettine di pancetta, un filino di olio extra vergine di oliva a crudo, una grattata abbondante di pepe, e la magia é compiuta!
Vedrete che il sapore dolce e pieno della zucca, resa cremosa dai fagioli, il fresco e appena acidulo dello yogurt, la salata croccantezza della pancetta e la nota speziata della curcuma vi conquisteranno, ogni singolo sapore stuzzicherà il vostro palato formando infine un equilibrio perfetto ed armonico.
 



-------------------------------------------------------------

Consigli utili:

  • Diversamente da Rossella, che ha usato scalogno e brodo, io ho usato la cipolla di Tropea perchè volevo esaltare maggiormente la dolcezza della zucca per creare un contrasto ancora più netto e, a parer mio, interessante con la sapidità della pancetta. Per quanto riguarda l'acqua al posto del brodo...é stata una scelta quasi obbligata perchè in fase di preparazione mi sono accorta di aver finito il mio adorato brodo bio fatto in casa e non avevo validi sostituti per cui, come si dice? di necessità virtù...ed ho usato solo acqua calda bilanciando diversamente la dose di sale necessaria. La cucina, in fondo, é anche questo; sapersi destreggiare al meglio tra i fornelli anche quando un ingrediente birichino ti crea difficoltà!
  • tagliate la zucca a dadini il più piccoli possibile, accorcerà sensibilmente i tempi di cottura della vellutata.
  • Per quanto riguarda la pancetta potete usare quella avvolta, come ho fatto io, ma va benissimo anche quella stesa, come ha fatto Rossella, basta che sia tagliata sottilissima perchè una volta messa nella padellina non deve cuocere troppo, sennò diventa troppo salata, ma si deve appena abbrustolire.
  • Per il motivo citato sopra vi consiglio quindi di far scaldare ben bene la padella e al momento di mettere giù la pancetta spegnere il fuoco; così sarete sicuri che non si cuocerà troppo diventando troppo salata e dura!
  • Per l'impiattamento potete sbizzarrirvi; potete adagiare i due cucchiai di yogurt e poi girare leggermente la vellutata in modo da creare un vortice bicolore oppure potete creare delle gocce di yogurt, magari aiutandovi con un cucchiaino piccolo, ma in ogni caso non amalgamate troppo lo yogurt alla vellutata..si deve sentire ben chiaro e distinto il suo sapore in bocca.
  • Stessa cosa per la pancetta; potete mettere le fettine intere, nel caso della pancetta avvolta, o tagliuzzare dei piccoli pezzetti o fare delle striscioline sottili. Sta tutto alla vostra fantasia e creatività.
  • Usate pepe nero, possibilmente in grani e grattato al momento. Il pepe nero, insieme alla curcumina contenuta nella curcuma, sviluppa sostanze benefiche per il nostro corpo e protettive verso i tipici malanni di stagione. Stessa cosa per l'olio evo, un filino a crudo attiva il betacarotene contenuto nella zucca e fa taantoo bene!       

3 commenti:

  1. Ero sicura che ti sarebbe piaciuta... <3 ;)
    (baci baci, e a presto!!!)

    RispondiElimina
  2. Tesoro vorrei tanto vederti e..magari cucinare qualcosa insieme a te! ��������

    RispondiElimina
  3. Tesoro vorrei tanto vederti e..magari cucinare qualcosa insieme a te! ��������

    RispondiElimina