domenica 6 marzo 2016

Guacamole Onion Rings



Quando capita che si ha voglia di schifezzine, che si fa?
Io mi metto a friggere…
E quindi ecco qua la mia schifezzina di ieri sera.

Ingredienti:
3 avocados maturi
1 spicchio d’aglio
1 cipolla (rossa o bianca non fa differenza)
1/2 limone (o lime)
1 spolverata di paprika
1 pomodoro rosso maturo
1 pizzico di sale
2 uova intere
farina q.b.
pangrattato q.b.
olio per friggere

Preparazione:
La ricetta prevede una guacamole piuttosto rustica e grossolana, a differenza della tipica salsa messicana, liscia ed omogenea, che tutti conosciamo; quindi sbucciate gli avocados, privateli del nocciolo e tagliateli a pezzi dentro ad una terrina e schiacciateli con una forchetta fino ad ottenere una purea grossolana; l’avocado, quando è maturo è molto morbido e burroso, quindi si schiaccia molto facilmente.
Dopodichè tagliate a cubetti (mi raccomando..microscopici) il pomodoro ed aggiungerlo alla purea di avocado, aggiungere poi l’aglio sminuzzato finemente, la paprika ed aggiustate di sale.
Prendete una bella cipolla e tagliatelaa fette alte, nel verso della pancia, in modo da ottenere degli anelli alti almeno mezzo centimetro, foderate una teglia di carta forno, adagiatevi gli anelli di cipolla, armatevi di cucchiaino e con fare certosino riempite gli anelli con il vostro guacamole tentando di livellare bene il ripieno non oltre l’altezza dell’anello di cipolla, in modo da ottenere dei dischi compatti.
Mettete in freezer a solidificare per almeno 45 minuti.
Il passaggio in freezer è fondamentale perchè quando andate a friggerli e dovrete creare la panatura, se il ripieno di guacamole è ancora morbido, farete un disastro (come ho fatto io..)!
Mentre i guacamole onion rings si solidificano, voi potreste usare quaesto tempo per meditare e riflettere su come potrete smaltire il frittino che vi state per pappare..
Passato, dunque, il tempo di riposo dei guacamole onion rings in freezer,e dopo aver meditato profondamente sul senso della vita, siete pronti per friggere!
Mettete sul fuoco una padella capiente e dai bordi alti e versate l’olio per friggere (deve essere alto almeno la metà dell’altezza della padella) e fatelo scaldare bene, sbattete le due uova in una terrina, preparate due piattini in cui metterete in uno la farina e nell’altro il pangrattato, e sistemateli l’uno accanto all’altro; io vi consiglio di mettere, in ordine, prima il piattino con la farina, poi la terrina l’uovo ed infine il piattino con il pangrattato, ed iniziate passando gli anelli prima nella farina, poi nell’uovo, poi nel pangrattato, poi di nuovo nell’uovo ed infine di nuovo nel pangrattato.
Il doppio passaggio uovo-pangrattato è importante per creare una crosta bella dura che conterrà bene il ripieno morbido di guacamole.

Una volta fatta la panatura potete tuffare allegramente i vostri guacamole onion rings nell’olio bollente (mi raccomando, pochi alla volta), facendo molta attenzione alla doratura, che non deve essere troppo scura…come i miei, che si sono fatti troppe lampade abbronzanti!
Quando sono pronti, raccoglieteli con il ragno e metteteli a sgocciolare l’olio in eccesso sulla carta assorbente; poi serviteli su un piatto aggiungendo una spruzzata di limone ed un pizzico di sale.




Io consiglio di accompagnarli con della maionese, magari aromatizzata con dell’erba cipollina fresca, o con altre salsine fresche, tipo la tzaziki (che è greca, lo so, ma secondo me ci sta da Dio..), e completare il tutto con un bel bicchierone di limonata ghiacciata o, se siete in vena di far festa, con un bel mojito fresco!
A questo punto, smettete di meditare ed iniziate a mangiare!

Buon Appetito!!