lunedì 17 ottobre 2011

Lasagne Galleggianti

Io amo fare la pasta fatta in casa e le lasagne sono un piatto principe nell'utilizzo della pasta casalinga.
Nella preparazione delle lasagne ogni brava massaia che si rispetti mette un suo tocco personale; il mio, oltre ad un ragù bello "potente" è la pasta, non troppo sottile e usata a crudo, non lessata precedentemente.
Perchè galleggianti?
Io non sono una cuoca "del giorno prima"; ovvero non sono solita preparare i cibi il giorno prima per il gorno dopo, faccio tutto espresso al momento del bisogno.
Questo vale anche per le lasagne...
Se non le lasciate riposare in frigo una notte, ma le cucinate e le mangiate belle calde appena uscite dal forno risulteranno così morbide e cremose da farvi leccare i baffi!
Soprattutto per la quantità di ragù e besciamella che io ci metto...così tanta da farle diventare..."galleggianti"!!
Quindi, gli ingredienti:

Per la pasta: (le dosi sono a persona)
un uovo
100 gr di farina "00"
olio extravergine di oliva
sale q.b.
acqua q.b.

Per la besciamella:
100 gr di farina
0,5 lt di latte
100 gr circa di burro
sale q.b.
noce moscata a piacere

in un tegamino dai bordi alti fate sciogliere il burro e poi versateci a pioggia la farina.
Girate velocemente finchè il composto non formerà una palla.
poi aggiungete a filo il latte (magari se non è freddo di frigo è meglio) e mescolate continuamente.
portate ad ebollizione e fate cuocere a fuoco basso per qualche minuto, finchè la besciamella non avrà raggiunto una consistenza cremosa.
Una volta pronta aggiustatela di sale e aggiungete la noce moscata nella quantità desiderata.
La fase iniziale è importante per non far venire i grumi, se non riuscite comunque ad evitare che si formino esiste un trucco....il buon vecchio minipimer!!


Per il ragù:
Ogniuno ha la sua ricetta quindi vi rimando alla mia ricetta del ragù.

Aggiunte:
parmigiano e mozzarella (per una lasagna più filante..)

Preparazione:
Impastare la pasta e stenderla formando delle strisce.
Poi prendere una pirofila da forno e distribuire sul fondo qualche cucchiaiata di ragù e di besciamella in modo da non far appoggiare la pasta direttamente sul fondo della pirofila.


A questo punto iniziate a formare gli strati alternando le strisce di pasta al ragù, alla besciamella, al parmigiano e alle fettine di mozzarella.


Quando sarete arrivate all'ultimo strato potete scegliere se finire con ragù, besciamella e formaggio in modo che in forno si formi una crosta superficiale croccante e saporita oppure fare come faceva mia nonna materna; lei sigillava la superficie delle lasagne con la pasta in modo che durante la cottura tutto quello che c'era sotto rimaneva morbido e cremoso e la pasta di superficie si insaporiva e diventava croccantina...e ovviamente quella era tutta mia!!
La mia nonna materna invece "alleggeriva il tutto" sbattendo 5-6 uova e distribuendole sulla superficie della lasagna in modo che si mescolassero col ragù e con la besciamella...vi lascio immaginare che crosta che veniva fuori...e soprattutto...che botta calorica fossero le sue lasagne!!!
In casa mia non si andava tanto per il sottile....
Comunque, tornando a noi, terminate le lasagne come meglio credete; io preferisco optare per ragù e besciamella a gratinare in forno.


Una volta finito l'assemblaggio mettete in forno preriscaldato a 200° la pirofila e fate cuocere finchè sopra alla lasagna non si è formata una crosta bella colorata.
Calcolate che io metto la pasta a crudo quindi dovrete avere l'accorgimento di lasciare la besciamella un pochino più liquida e anche il ragù non fatelo ritirare tanto, e, ovviamente la cottura in forno dovrà essere un pochino più lunga.

Buon Appetito!

Nessun commento:

Posta un commento